« ritorna alla categoria
Gruppi di pressurizzazione automatici » PRESS
Registrazione nuovo utente

Il seguente modulo di contatto è ad uso esclusivo di Società e Professionisti del settore, per utenti finali e/o privati contattare il nostro supporto tecnico al n. +39.049.9930154

RICHIEDI INFORMAZIONI

Richieste

PRESS

GRUPPI DI PRESSURIZZAZIONE AUTOMATICI

IMPIEGHI

I gruppi di pressurizzazione automatici della serie “PRESS” sono stati progettati per mantenere costantemente in pressione piccoli o medi impianti idrici civili, industriali o d’irrigazione. Vengono forniti già assemblati e pronti per l’installazione.
E’ possibile scegliere la soluzione più adatta alle esigenze dell’impianto, tramite la selezione dell'elettropompa in base alla portata e curva di lavoro; è anche possibile scegliere il gruppo in base alle caratteristiche degli stessi. E’ importante ricordare che il gruppo di pressurizzazione deve essere dimensionato in funzione della quantità d’acqua e della pressione richiesta.

SCELTA DEL GRUPPO DI PRESSURIZZAZIONE PER FABBISOGNO IDRICO

Edifici ad uso residenziale

Gli elementi principali per il calcolo del fabbisogno d’acqua sono:

  •  il consumo per ogni tipologia di erogazione (tab. 1)
  •  il numero di utenze (tab. 2)
  •  il fattore di contemporaneità:

Il massimo fabbisogno teorico é dato dalla somma delle portate per tipologia di erogazione di un appartamento e per il numero di essi.
In pratica si verifica che soltanto una parte delle utenze vengono utilizzate contemporaneamente.
Il fattore di contemporaneità permette di definire la massima portata effettiva che può essere richiesta dalle utenze.

Edifici ad uso non residenziale

Per il calcolo del fabbisogno, prendiamo in considerazione i seguenti edifici:

  •  uffici
  •  centri commerciali
  •  strutture ospedaliere
  •  hotel

Scelta del gruppo di pressurizzazione per prevalenza / pressione

La pressione agli utilizzi necessaria per un corretto funzionamento di elettrodomestici e sprinklers, non deve essere inferiore a 1,5 bar e normalmente non superiore a 4-5 bar. Gli elementi da considerare per il calcolo della pressione sono:

  •  dislivello geodetico tra il gruppo ed il punto di erogazione più elevata
  •  l’altezza di aspirazione
  •  la pressione iniziale (o battente positivo)
  •  la pressione residua minima all’utilizzo più elevato (normalmente1,5 bar)
  •  le perdite di carico dell’impianto
  •  la differenza di pressione fra avviamento e arresto pompe.

DOWNLOAD